Un italiano nel board della IAPC (an Italian in the IAPC board)

Il 2014 si preannuncia come un anno pieno di novità ed alcune arriveranno già nella seconda metà di gennaio. Intanto la prima, che è un onore, è la mia elezione nel Board of Directors della International Association of Political Consultants (IAPC), la prestigiosa associazione professionale fondata da Joe Napolitan e Michel Bongrand nel 1968.

I have been elected in the IAPC’s board of Directors for the next 2 years. It’s an honor to be in the board of the prestigious association founded in 1968 by Joe Napolitan and Michel Bongrand.

IAPC_Board 2014-16

Guida al voto

Durante la campagna elettorale e in misura crescente negli ultimi giorni, candidati e opinion leader hanno fatto appello agli elettori chiedendo un voto utile oppure un voto disgiunto. Ma di cosa si tratta esattamente e perché le regole del gioco (norme elettorali) permettono di votare candidati e liste differenti?
Le regole del gioco, vale a dire il sistema elettorale e le norme che disciplinano la competizione, possono modificare, infatti, il contesto favorendo differenti assetti di offerta elettorale e un differente comportamento di voto da parte degli elettori.
A complicare il tutto il fatto che in Italia ad ogni livello (comunali, provinciali, regionali e politiche) corrisponde una legge elettorale con caratteristiche diverse (solo per fare un esempio alcune prevedono un doppio turno ed alcune non permettono il voto disgiunto).

Dal momento che domenica e lunedì si voterà per rinnovare Camera e Senato e in tre regioni (Lombardia, Lazio e Molise) si voterà contemporaneamente per eleggere presidente e consiglio regionale, è meglio analizzare le differenti norme e opportunità di esercitare il proprio voto.

Leggi tutto il mio articolo su Il Sole 24 ore

Some-voters-change-their--006

Dieci regole per comunicare con efficacia su Twitter

Su Il Sole 24ore in edicola le mie 10 regole per comunicare con efficacia su Twitter (per politici e non solo).  Consiglio anche l’articolo di Alessia Maccaferri.

Le 10 regole:

1) scegli bene il nome del tuo account, presta attenzione ad immagine e descrizione del tuo profilo (saranno la prima impressione)

2) prima di cominciare a twittare poniti un obiettivo concreto e stabilisci dei criteri di misurazione

3) twitter è un dialogo non un monologo: invita all’interazione, rispondi alle domande e fai retweet

4) cerca di essere proattivo, non attendere passivamente: raggiungi nuovi potenziali follower con una menzione o una domanda diretta usando @user

5) twitter non è un concorso di popolarità: puoi avere decine di migliaia di follower, ma se segui solo 30 persone (e magari solo politici) verrai percepito come autoreferenziale

6) sii te stesso: puoi far conoscere aspetti privati e umani della tua personalità, ma ricorda sempre di essere coerente con ruolo, immagine pubblica e stile complessivo della comunicazione

7) usa immagini e senso dell’umorismo per dare forza ai tuoi tweet

8) hai 120 caratteri al massimo non 140 (così permetterai alle persone di aggiungere un commento ai tuoi tweet)

9) scegli il momento giusto per i tuoi tweet (non tutti gli orari hanno lo stesso pubblico, studia il momento migliore)

10) attento a ciò che scrivi e alle tue risposte (mai di impulso): potenzialmente chiunque può leggerle (inclusi i giornalisti)

La mia analisi settimale per Il Sole 24ore

La classifica dei soggetti politici più influenti rispecchia il recupero del centrodestra certificato dai sondaggi degli ultimi giorni: ben cinque dei primi dieci posti appartengono all’area del centrodestra (con l’account ufficiale del Popolo della Libertà che occupa saldamente il primo posto), due alla coalizione guidata da Mario Monti (con Casini e lo stesso Monti), uno ad Oscar Giannino, che Berlusconi ha ripetutamente invitato al ritiro sostenendo di avere lo stesso programma (ma il leader di Fare Fermare il Declino come risposta ha dichiarato in diretta televisiva di voler far perdere Berlusconi e in seguito ha lanciato hashtag #berlusconiglio)…

Leggi tutto

twitter-e-politica

Politica e twitter: il mio commento settimanale su Il Sole 24ore

Con l’avvicinarsi della data del voto si sta intensificando l’attività dei principali protagonisti e alcuni candidati più di “nicchia” stanno cercando di emergere attraverso l’uso dei social network. Se guardiamo i due principali indicatori (menzioni e temi caldi) possiamo notare come le prime posizioni siano appannaggio dei tre principali contendenti.

Nei temi caldi Berlusconi è al primo posto dimostrando ancora una volta una grande capacità di occupare il centro della scena e di polarizzare il dibattito, ma è incalzato da Bersani e Monti che sono rispettivamente al terzo e al quarto posto.

Leggi tutto

twitter-e-politica