Il futuro verde dei leader

Da http://www.corriere.it (13 febbraio 2007)

Lasciato il potere, Tony vorrebbe guidare una task-force contro il riscaldamento globale

Il futuro verde dei leader Anche Blair «ecologista»
Ma Chirac gli contende il posto di paladino dell’ ambiente

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE LONDRA – Una delle eredità che Tony Blair lascerà al costume politico britannico è l’ organizzazione dei suoi spin doctors, portavoce e consiglieri che orientano la stampa sulle azioni del governo. E ieri questa macchina da guerra di Downing Street era impegnata a spiegare che la cena di oggi a Berlino tra il premier e la cancelliera Angela Merkel sarà «un appuntamento cruciale per mettere a punto la strategia di azione contro il cambiamento climatico». A Londra si contano ormai le settimane che separano Blair dall’ addio al potere: che senso ha allora fare ancora programmi? Il fatto è che il profeta della Terza Via, a 54 anni, non si accontenta di un futuro da conferenziere sul dorato circuito internazionale. Blair ha fatto sapere che vuole lanciarsi in una nuova missione: salvare il mondo dal riscaldamento terrestre che rischia di portarlo alla catastrofe. L’ obiettivo è il vertice del G8 in programma a giugno sotto presidenza tedesca. Dovrebbe essere l’ ultima uscita di Blair da capo del governo di Sua Maestà e il suo «gran finale» potrebbe essere l’ impegno dei Grandi per un nuovo trattato sui limiti delle emissioni di gas serra che sostituisca quello di Kyoto, in scadenza nel 2012. Per preparare il nuovo accordo è stato formato il gruppo Globe, costituito da parlamentari dei Paesi G8 più rappresentanti cinesi, indiani, brasiliani, sudafricani e messicani. Gli spin doctors di Downing Street insistono che dietro Globe c’ è Blair e che «Tony è l’ uomo giusto per fare il supermediatore». Sulla ribalta verde Mr Blair potrebbe ritrovare un vecchio rivale, Monsieur Jacques Chirac, che a giugno lascerà l’ Eliseo e ha proposto di creare una nuova «Onu per l’ Ambiente», un’ organizzazione che agisca da «coscienza ecologica del mondo, un luogo privilegiato dei nostri sforzi comuni per le generazioni future». Certo, il presidente dimentica il contributo non proprio positivo all’ ecosistema dato con i test nucleari francesi a Mururoa, ma anche Blair quando gli è stato chiesto se non sarebbe il caso di rinunciare agli inquinanti viaggi aerei per luoghi di vacanza esotici ha risposto che non ci pensa proprio. Pur tra queste contraddizioni, il verde sembra il colore degli ex grandi. Al Gore, ex vicepresidente degli Stati Uniti fermatosi a poche centinaia di voti dalla soglia della Casa Bianca, dedica tutte le sue energie all’ ambientalismo. È appena venuto a Londra per lanciare il suo nuovo progetto: una serie di concerti tipo Live Aid contro il global warming. Si terranno il 7 luglio sotto la sigla Sos in cinque grandi città: Londra, Washington, Rio de Janeiro, Città del Capo, Kyoto. E se i cinesi saranno d’ accordo, anche a Shanghai, per rendere consapevoli gli abitanti della superpotenza economica emergente dei pericoli dello sviluppo insostenibile. Mikhail Gorbaciov è presidente della Croce Verde, un’ organizzazione ecologista internazionale presente in una ventina di Paesi e da anni sostiene il diritto di tutti i Paesi alla distribuzione delle risorse idriche. Si è defilato dalla lotta Joschka Fischer, che pure nasce come attivista verde. L’ ex ministro degli Esteri tedesco insegna relazioni internazionali all’ università di Princeton. D’ altra parte il suo ex capo, Gerhard Schröder, è stato arruolato dal consorzio dell’ oleodotto del Mare del Nord. Ci si può fidare delle promesse verdi di Blair? O è solo un espediente per restare in scena? Risponde Jackie Ashley, editorialista del Guardian: «Non guardiamo al suo scopo, conta il risultato. Se vuole una causa per cui battersi, nessuna è più grande di questa». Guido Santevecchi * * * Dalla politica all’ ecologia * * * * * * * * * * * *


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...